Antonino Cammarata

ARTE DAL VIVO

L'artista che vi fa vedere come nasce una sua opera in diretta

Copia del Caravaggio

Copia del Caravaggio  " Ecce homo " di Madrid, eseguita ad olio su tela di Juta dal maestro Francesco Di Maura. Prezzo 1450 euro, spese di spedizione gratuite. Per l' acquisto o info: 370 103 0141 whatsapp ( Francesco)




 
 
 


Altre opere del maestro Di Maura che si posso eseguire su commissione scrivendo a Francesco  370 103 0141 whatsapp 

 
 
 
 
 
 
 





Non saranno di certo state queste le motivazioni che hanno spinto l’artista Francesco Di Maura, conosciuto notoriamente in città soprattutto per le  altre due opere in bella vista nella chiesa del Cristo Re, fatto sta che domenica scorsa, dopo la lettura del vangelo del giorno ispirato all’episodio di san Tommaso, durante l’omelìa della messa serale è stato tirato giù il velo che celava la terza e spettacolare opera che Francesco Di Maura offre a quella che lui stesso definisce la “sua” chiesa e che si aggiunge alle altre due ormai famose tele giganti,  per inaugurare davanti a una numerosa assemblea di fedeli e ammiratori la fedele riproduzione del famoso dipinto del Caravaggio, non a caso titolato “l’incredulità di San Tommaso”.

Un’ opera che si compone  di colori prodotti artigianalmente con terre naturali, così come usavano gli artisti di un tempo, saggiamente impreziosita da una massiccia cornice in legno di noce staccata da un passepartout costituito efficacemente da un filo di luce che evidenzia in tutto il suo splendore l’intero perimetro della stessa tela, graziosamente e sapientemente  illuminata per portare “alla luce” ancor più la raffigurazione ispirata all’ apostolo Tommaso.

Nel dipinto si vede come, per la sua incredulità, il nostro santo non esita a conficcare materialmente il dito nel costato del Cristo a comprova di quanto precedentemente avevano a lui raccontato gli altri apostoli, cioè di avere incontrato Gesù dopo la risurrezione e ai quali, ovviamente, Tommaso non aveva creduto.

Ma l’incredulità la lasciamo ai santi, visto che noi, mortali ammiratori d’arte, conoscevamo di già l’intramontabile mano dell’impressionista pittore Francesco Di Maura.